Quando si parla di biciclette non si può non pensare alla capitale Danese, ritenuta la capitale mondiale della mobilità in bicicletta.

Copenaghen wheel: così un’azienda statunitense è in grado di trasformare qualsiasi bicicletta in una bici elettrica. Basta cambiare una ruota.

Un’azienda statunitense ha preso in prestito il nome della città danese aggiungendo la parola ruota per mettere in piedi un’invenzione tutta particolare. Si tratta infatti di una normale ruota di bicicletta con al centro un contenitore rosso nel cui interno ci sono tutte le componenti per trasformare la bicicletta tradizionale in una bici elettrica: motore, batteria e generatore sono stati miniaturizzati e inglobati in questa scatola rossa montata poi su una ruota classica.

Il dispositivo non è proprio economico (negli USA costa 1.500 dollari) ma a differenza delle alternative già presenti sul mercato qui non occorre modificare nulla.

E’ sufficiente smontare la vecchia ruota posteriore e mettere la Copenaghen Wheel al suo posto. Et voilà. La bicicletta diventa elettrica.

Questa particolare ruota pesa poco più di 7 kg, peso considerevole ma tutto sommato molto più basso dei prodotti concorrenti. Quando si inizia a pedalare bisogna fare molta forza perché il suo razionamento è progressivo. Poi ti aiuta fino a 24 km/h, come prevede la legge europea per poi calare la sua potenza di aiuto gradualmente.

Negli Stati Uniti la legge permette alle biciclette elettriche di potersi fare aiutare fino a 40 km/h e la Copenaghen Wheel arriva proprio a questa velocità negli USA.  L’autonomia è dichiarata per 40 km, ma può essere aumentata fino a 60.

Se proprio vogliamo trovarle un difetto possiamo dire che per funzionare ha bisogno del collegamento continuo alla sua App per smartphone, ma ormai è tutto collegato intorno al cellulare.

Da considerare poi che il prezzo in Europa arriva a toccare i 1.750 euro tra cambio, tasse e spedizione. Un costo non proprio economico, visto che a questi prezzi ci sono biciclette elettriche complete.

Diciamo che il dispositivo è pensato soprattutto per chi, avendo già una bicicletta a cui è particolarmente legato, non vuole separarsi dalla sua vecchia e cara due ruote e può elettrificare un oggetto a cui magari è legato a livello sentimentale.

Fonte: superpedestrian.com

 

Vuoi ricevere anche tu le buone notizie di epeira.it? Unisciti agli altri 106 iscritti. Ti manderemo una mail a settimana con una accurata selezione di buone notizie.

Riguardo l'autore

Daniele D'Amato

Daniele D'Amato

Direttore Responsabile. Giornalista, fotografo e insegnante; lauree in Scienze della Comunicazione e in Sociologia e Ricerca Sociale; masters in DSA e in ADHD. Fondatore e Presidente dell’associazione fotografica Photosintesi per 10 anni; fondatore e direttore editoriale della testata fotografica IVISIVI; Amministratore dello studio fotografico Comunickare; Collaboratore di “Fotografia Reflex”; docente di Linguistica delle immagini e Metodologia del Portfolio nelle scuole di fotografia; fondatore e Presidente del Collettivo Fotografico Xima.

Scrivi un Commento

dodici + diciotto =