Il terzo royal baby è nato alle 11.01  del 23 aprile 2018 al St Mary’s Hospital di Londra.

Il principino è il quinto erede al trono britannico.

Alle 14.30 l’annuncio di Kensington Palace: la duchessa di Cambridge e il bimbo sono entrambi in ottima salute.

Dalla Torre di Londra sono stati sparati 62 colpi di cannone a salve e altri 42 esplosi da Green Park. Un banditore in abiti tradizionali ha letto l’annuncio ad alta voce per la città. Dietro la cancellata di Buckingham Palace, invece, è stato affisso un annuncio scritto.

Nel pomeriggio George e Charlotte hanno incontrato il nuovo royal baby accompagnati da papà William che con gioia ha affermato di essere molto, molto felice.

Il piccolo arriva nel giorno di San Giorgio, patrono d’Inghilterra, come si auguravano in tanti. Il 23 aprile è anche l’onomastico del fratello maggiore George e di un altro membro della famiglia reale: Lady Gabriella Windsor, figlia dei duchi di Kent.

Il nuovo principe è ora il quinto nella linea di successione al trono britannico, preceduto dalla sorellina Charlotte, dal fratellino George, dal padre William e dal nonno Carlo. Solo nel 2013 era stato stabilito che le femmine non venissero più scavalcate dai maschi nella linea di successione, altrimenti avrebbe avuto la precedenza la sorella più anziana.

Ora è caccia al nome con molte previsioni al riguardo. Le opzioni più quotate al momento sono: Albert, Arthur, William, Carlo, o James. Molto probabile anche il nome Frederick, come il primo duca di Cambridge e per finire Philip in omaggio al bisnonno, il duca di Edimburgo.

Dopo George Alexander Louis e Charlotte Elizabeth Diana è questione di tempo prima che il famigerato nome del terzogenito venga svelato.

Vuoi ricevere anche tu le buone notizie di epeira.it? Unisciti agli altri 118 iscritti. Ti manderemo una mail a settimana con una accurata selezione di buone notizie.

Riguardo l'autore

Rita Carbonara

Rita Carbonara

La vera patria di Rita è l’Inghilterra. Le chitarre, James e Graham Jonathan fanno parte di questo mondo incantato che Rita usa per scaricare tutta l’energia accumulata durante la giornata. La lettura è uno dei rifugi in cui si trova meglio, specie se si tratta di Dickens. Esploratrice, ama i dettagli e mettere nero su bianco tutto per poi rivivere i momenti più belli all’infinito.

Scrivi un Commento

1 × cinque =