L’anno scorso, in appena 12 ore, più di 1 milione e mezzo di volontari hanno piantato 6 milioni di alberi nello stato di Madhya Pradesh, in India, per salvare il pianeta. Sono stati individuati, ed in seguito scelti, 24 punti attorno al fiume Narmada per aumentare le loro possibilità di sopravvivenza.

Questa grandissima campagna di ripopolamento delle foreste intorno al fiume Narmada in India è paragonabile a una sorta di “maratona ambientale” che ha inaspettatamente, con 6 milioni di alberi, battuto tutti i record.

Tutto ciò è avvenuto dopo che l’India ha accettato con l’accordo di Parigi di aggiungere almeno 5 milioni di ettari nelle sue foreste entro l’anno 2030. L’India è stata subito propensa a battersi nella lotta ai cambiamenti climatici mettendosi dalla parte del pianeta, pensando al suo bene. Lo stato di Madhya Pradesh è uno dei pochi a promuovere iniziative per ridurre le emissioni di carbonio che possano sensibilizzare le coscienze di più persone possibili, al fine di contribuire, ognuno nel suo piccolo, alla tutela del nostro pianeta.

Gli alberelli piantati da numerosissimi bambini ed altrettanti anziani, variano in base alla loro origine: si possono contare, infatti, più di 20 specie diverse.

“Piantando 6 milioni di alberi non stiamo aiutando solo il Madhya Pradesh, ma l’India intera e il mondo intero”, affermano i volontari.

L’iniziativa è principalmente nata dall’intento di contrastare l’inquinamento che affligge l’India. Essa è infatti, purtroppo, uno dei paesi più inquinati al mondo. Così facendo, è stato possibile anche dare avvio ad un intenso processo di rimboschimento e di conservazione dell’ambiente.

Il governo indiano ha impegnato ben 6,2 miliardi di dollari per aumentare la copertura forestale fino a 95 milioni di ettari, 235 milioni di acri, entro i prossimi 11 anni.

Così come è accaduto in India, una gigantesca mobilitazione per la cura dell’ambiente e dell’intero pianeta, si è ufficializzata in Etiopia. Il Primo Ministro Abiy Ahmed Alì aveva già annunciato la sua iniziativa: piantare quattro miliardi di alberi per combattere la crisi climatica. Sembrano cifre altissime, eppure l’Etiopia, in un solo giorno, ha messo a dimora oltre 350 milioni alberi con la disponibilità di tantissime persone, giovani e meno.

L’iniziativa è nata nell’ambito di #greenLegacy, la campagna a favore del rimboschimento del pianeta per combattere i vari ed importanti cambiamenti climatici. L’obbiettivo è quello di trasformare il territorio rendendolo verde e produttivo come lo era in passato, prima della grande deforestazione avvenuta nel corso del ventesimo secolo, la quale aveva eliminato quasi la metà degli alberi del Paese, contribuendo alla grave desertificazione e conseguente siccità in atto.

Vuoi ricevere anche tu le buone notizie di epeira.it? Unisciti agli altri 255 iscritti. Ti manderemo una mail a settimana con una accurata selezione di buone notizie.

Riguardo l'autore

Rita Stefano

Rita Stefano

Nasce prima del previsto perché la cicogna non vedeva l'ora di atterrare. E' una ragazza alla mano, simpatica e solare; riesce a trovare il lato positivo in ogni cosa. Non ha peli sulla lingua e perciò schietta e diretta, spesso con il rischio di sembrare inopportuna. Frequenta il Liceo e il Conservatorio. Le sue giornate vengono scandite dal suono del pianoforte, al quale corrisponde un'emozione per ciascun tasto. Ama le lingue, viaggiare e fotografare i momenti più belli.

Scrivi un Commento

15 − dieci =