La Via delle Dee prende il posto degli dei e si tinge interamente di rosa.

Lo storico sentiero dell’Appennino Tosco-Emiliano si trasforma così nella Via delle Dee, un viaggio a piedi, per la prima volta rivolto esclusivamente al genere femminile. È una proposta volta ad incoraggiare le donne a viaggiare da sole. Zaino sulle spalle, scarpe da trekking, immergendosi e facendosi incantare dalla natura. La regola è una sola: alle spalle anche tutti i sensi di colpa da mogli e madre di famiglia.

La Via delle Dee è un viaggio a piedi lanciato in occasione della Giornata Internazionale della donna.

Da Bologna e dalla sua Piazza Maggiore fino a Firenze, in Piazza della Signoria. Un’opportunità per ritrovarsi, condividendo esperienze, difficoltà ma anche i propri desideri, tutti rigorosamente al femminile, “recuperando la propria unicità al di là di ruoli e condizionamenti”

La via delle Dee è dunque un trekking ispirazionale

Esso è pensato per superare i limiti e le responsabilità che spesso si attribuiscono alle donne. Ad accompagnare le viaggiatrici sono esclusivamente tre donne: Selene Cassetta, blogger di “Viaggio Sostenibile”, Milena Marchioni, fondatrice del family blog “Bimbi e Viaggi” e Francesca Sanzo, madre e scrittrice.

Ma come si struttura il viaggio? La via delle Dee, che è prima di tutto un viaggio nelle propria interiorità di Donna, prevede un’ora di travel counseling, facendo il punto sulla propria vita e poi il cammino vero e proprio.

“L’idea di dare vita ad un’esperienza profondamente femminile mi è venuta anche a seguito della recente malattia che ha travolto la mia vita”-afferma Silvia Salmeri, una delle fondatrici. “Questa dura esperienza mi ha insegnato quanto sia importante ritrovare il tempo per noi stesse, per amarci e fare ciò che ci fa stare bene. Non aspettiamo che siano gli ostacoli o i momenti difficili a farci capire che forse è troppo tardi”. Al cammino esteriore, spiega Silvia, si abbina un cammino interiore di ricerca e consapevolezza di sé.

A rendere ancora più speciale la Via delle Dee è il fatto che le tappe intermedie siano conosciute solo dalla guida, permettendo così alle viaggiatrici di svuotare completamente la mente del risultato, per concentrarsi solo su se stesse.

Vuoi ricevere anche tu le buone notizie di epeira.it? Unisciti agli altri 178 iscritti. Ti manderemo una mail a settimana con una accurata selezione di buone notizie.

Riguardo l'autore

Giovanna Nuzzo

Giovanna Nuzzo

Vent'anni, radici nel Salento ma trasferita a Bologna dove studia per diventare giornalista. E' impegnata nel volontariato da quando aveva quattordici anni con un'associazione locale. Da qualche anno insegna italiano in una scuola per migranti e rifugiati politici di Bologna. Vive di passi, viaggi e sorrisi. Con il cuore a Sud, sogna di tornare nel suo paese e vivere di quello che sarà il suo lavoro.

Scrivi un Commento

4 × cinque =