Animali

La salamandra di Jackson è tornata

La salamandra di Jackson
La salamandra di Jackson

La salamandra di Jackson è stata avvistata di nuovo dopo più di 40 anni in America Centrale.

La salamandra di Jackson è stata scoperta 42 anni fa e si temeva fosse ormai estinta. Un guardaparco l’ha invece avvistata durante un’ispezione nel parco creato appositamente per prevenire l’estinzione della salamandra.

L’animale prende il suo nome da uno studente, Jeremy Jackson, che insieme al suo amico Paul Elias l’avvistò per la prima volta nel 1975 nella foresta della Sierra de los Cuchumatanes. Questa è la più alta catena montuosa di origine non vulcanica dell’America Centrale. Da quel momento in poi, dell’anfibio si erano perse le tracce.

Nei primi anni del 2000 il biologo Carlos Vasquez dell’Università di San Carlos de Guatemala, ha trascorso più di 10 anni per cercarla. Ha organizzato più di 30 spedizioni con oltre 3.000 ore di ricerche nel tentativo di identificarla nuovamente e cercare di comprenderne meglio il suo habitat e abitudini.

Ma è stato il guardaparco Ramos León ad avvistarla lo scorso anno, durante un pattugliamento. Ha scattato alcune fotografie e le ha mandate a Carlos Vasquez. Lo studioso attualmente è il curatore di erpetologia dell’Università del Guatemala. Ebbene, è stato proprio Vasquez a confermare che quella era proprio la salamandra di Jackson.

Sono tutti euforici perché la salamandra è stata riscoperta in una riserva creata per proteggere l’habitat degli anfibi e perché si temeva estinta da più di 40 anni.

Per Vasquez, questa scoperta è particolarmente significativa. Ha passato più di 30 anni alla ricerca dell’animale, e nel 2018 aveva guidato un seminario per identificare la salamandra estremamente inafferrabile.

“Ho spiegato quanto è importante questa specie e ho lasciato un poster per vedere una foto della salamandra ogni singolo giorno”.

Vasquez, che è anche il coordinatore del programma di conservazione degli anfibi presso l’ONG locale e il partner GWC FUNDAECO, ha detto in una nota. “Avevamo iniziato a temere che la specie fosse sparita, e ora è come se fosse tornata dall’estinzione”.

Vuoi ricevere anche tu le buone notizie di epeira.it? Unisciti agli altri 941 iscritti. Ti manderemo una mail a settimana con una accurata selezione di buone notizie.

Scrivi un Commento

quattro + 12 =