Animali

L’Olanda è il primo Paese senza animali randagi

olanda-dice-no-abbandono-animali

In Olanda non esistono più animali randagi o abbandonati e senza usare la soppressione per raggiungere questo splendido risultato.

L’abbandono degli animali è uno dei problemi più diffusi al mondo.

In Thailandia per esempio c’è un sovraffollamento senza precedenti, con città come Bangkok in cui si stima che vi siano oltre 300 mila cani randagi.

Fortunatamente non tutti i paesi ne trascurano la gravità. Tra quelli più attivi vi è l’Olanda, che è riuscita a offrire una degna esistenza a moltissimi randagi. Per ottenere questo risultato nessuno si è avvalso della forza o di metodi di soppressione ma c’è da dire anche che ciò non è avvenuto in poco tempo.

I cittadini infatti hanno semplicemente preso graduale consapevolezza del fatto e hanno iniziato a cooperare tra loro per far fronte a questa deplorevole situazione.

Come è potuto succedere tutto questo? Unicamente dando agli animali  l’importanza che meritano e conferendo loro gli stessi diritti dell’uomo.

Per questo quando qualcuno decide di prendere un cucciolo, non lo fa come se stesse acquistando un oggetto, ma se ne prende cura amorevolmente e lo considera un vero e proprio membro della famiglia.

Nel XX secolo il Governo olandese ha emanato importanti Leggi tra cui quella sulla sanità. Essa infligge una multa di circa 17 mila euro e una reclusione di 3 anni senza cauzione a chi maltratta o abbandona gli animali domestici. Naturalmente la legge non ha eliminato subito il fenomeno dell’abbandono, ma certamente lo ha drasticamente ridotto.

Sono state avviate poi molte campagne di sensibilizzazione con lo scopo di ricordare che maltrattare un animale è come maltrattare una persona. Il Governo olandese si è fatto carico di sterilizzazioni massive e gratuite per i cittadini e ha introdotto pesanti tasse sull’acquisto di animali di razza, favorendo l’adozione dei cuccioli abbandonati.

La prima agenzia di protezione animale è stata istituita nel 1864 e il primo canile aperto nel 1877.  La strada è stata lunga e non poco difficoltosa, ma a oggi si può dire di aver raggiunto una stabilità e una tranquillità a lungo ricercate e tanto desiderate.

Il desiderio di progresso resta una mera utopia se non si agisce per fare in modo che qualcosa cambi; l’importante è crederci fino in fondo.

Molti Paesi dovrebbero imitare l’Olanda . Tu che ne pensi?

Vuoi ricevere anche tu le buone notizie di epeira.it? Unisciti agli altri 923 iscritti. Ti manderemo una mail a settimana con una accurata selezione di buone notizie.

Scrivi un Commento

uno × quattro =