Come insegnare ai nativi digitali l’intima bellezza di sfogliare le pagine di un libro? È questa la domanda che Sabino Scianatico, libraio 76enne di Bari, si è posto. Egli è il titolare della libreria Barium, un piccolo studio bibliografico, incastonato nel cuore del capoluogo pugliese, che custodisce con cura preziosi testi antichi. Chi meglio di lui potrebbe far riscoprire ai bambini dell’era digitale la magia che zampilla dalle righe di un romanzo?

La libreria Barium ha dunque lanciato una sfida ai giovanissimi del luogo: potranno avere un volume in dono, a condizione che lo leggano spegnendo il cellulare almeno un’ora al giorno.

Carlos Ruiz Zafón, autore spagnolo di fama internazionale, scrive così: “Entrai nella libreria e aspirai quel profumo di carta e magia che inspiegabilmente a nessuno era ancora venuto in mente di imbottigliare”. È proprio vero: l’odore delle pagine sfogliate seduce le nostre emozioni come un filtro magico e rende l’anima più leggera. E questo il signor Sabino lo sa bene, lui che per passione e professione ricerca e colleziona libri antichi di grande valore.

Tuttavia, agli occhi di chi con gli smartphones ci è nato è cresciuto, il divertimento spicciolo offerto dalla tecnologia è di certo più allettante. Per questa ragione Sabino Scianatico ha deciso di esortare i giovani alla lettura con la sua brillante proposta, ben consapevole che il lettore in erba più di ogni altro “ha bisogno di essere incuriosito e stuzzicato – afferma – ma che certamente poi risponde come non ci aspetteremmo“.

Ora un grande cartellone colorato campeggia in vetrina, per attrarre i bambini ad entrare e lasciarsi incantare dalla Libreria Barium. E l’iniziativa ha dato i suoi buoni frutti: molti ragazzi, incuriositi e affascinati, hanno risposto positivamente alla “sfida”. Ma non è finita qui! L’idea ha incontrato la piena approvazione delle scuole del luogo, che hanno incoraggiato gli studenti a fare un salto alla Libreria Barium. Il risultato?

A fine scuola una folla di giovanissimi, trascinati dall’irresistibile richiamo alla cultura, ha invaso la libreria Barium in cerca di un buon libro da gustare durante le lunghe e afose giornate estive.

Vista la larga partecipazione, Sabino Scianatico non ha dubbi: “Certamente continuerò. Si tratta di una scommessa che merita di essere fatta. Gli smartphone stanno distruggendo la cultura”.

Non ci resta che sperare che l’iniziativa di Sabino continui ad attirare nuovi piccoli lettori, e che il suo esempio virtuoso possa essere un modello per altre librerie i cui giovanissimi clienti scarseggiano.

La macchina tecnologicamente più efficiente che l’uomo abbia mai inventato è il libro.

(Northrop Frye)

Fonte: repubblica.it

Vuoi ricevere anche tu le buone notizie di epeira.it? Unisciti agli altri 144 iscritti. Ti manderemo una mail a settimana con una accurata selezione di buone notizie.

Riguardo l'autore

Daniele D'Amato

Daniele D'Amato

Direttore Responsabile. Giornalista, fotografo e insegnante; lauree in Scienze della Comunicazione e in Sociologia e Ricerca Sociale; masters in DSA e in ADHD. Fondatore e Presidente dell’associazione fotografica Photosintesi per 10 anni; fondatore e direttore editoriale della testata fotografica IVISIVI; Amministratore dello studio fotografico Comunickare; Collaboratore di “Fotografia Reflex”; docente di Linguistica delle immagini e Metodologia del Portfolio nelle scuole di fotografia; fondatore e Presidente del Collettivo Fotografico Xima.

Scrivi un Commento

due × 5 =