Alda Merini è stata una donna profondamente sensibile, ma dall’animo inquieto e costantemente in travaglio. La sua esistenza è stata continuamente abitata da un fiume di sentimenti sanguinosi.

Soffriva probabilmente del disturbo bipolare o di schizofrenia che l’aveva confinata dietro le mura grigie e sterili di un manicomio. Ma nonostante la sua malattia lei non ha mai ceduto, non si è mai arresa.

A salvarle l’anima non sono stati i medicinali che le somministravano, ma la parola. L’arte del saper scrivere in prosa e soprattutto in versi. La sua vera cura è stata da sempre la Poesia.

L’unica reale compagna contro la solitudine e l’angoscia più profonda del suo io interiore e l’unico strumento che ha saputo interpretare la sua lucida follia e  trasformarla in pura genialità, in estro creativo, in talento.

La miglior vendetta? La felicità. Non c’è niente che faccia più impazzire la gente che vederti felice.

Da quel suo confino in numerosi manicomi, fatto di incubi, tormenti e disperazione, dunque, la nostra poetessa ne è uscita vittoriosa proprio grazie alla potenza delle parole e dei versi che ne hanno permesso la sua rivalsa contro il mondo e contro chi la riteneva solo pazza.

La poesia è stata fin da sempre infatti, la lingua universale dei sentimenti e del cuore. Lei l’ha usata per esprimere l’interiorità e la profondità spirituale del suo essere donna. Ciò le ha permesso così, di elevarsi sopra ogni cosa, al di là di tutto ciò che è ordinario, scontato e banale.

Per questo, la poesia di Alda Merini, si è manifestata nel corso della storia e della vita in varie forme: come possibilità di fuga, riscatto, salvezza, cura, speranza o come celebrazione dell’uomo, della bellezza e del dolore, della vita e della morte.

Che cos’è la poesia, se non l’anima stessa di un uomo, o di una donna, che si veste di versi, rime e sentimenti e va ad abitare i cuori dell’umanità intera?

Vuoi ricevere anche tu le buone notizie di epeira.it? Unisciti agli altri 1.126 iscritti. Ti manderemo una mail a settimana con una accurata selezione di buone notizie.

Riguardo l'autore

Eleonora De Paola

Eleonora De Paola

Classe millenium, frequenta l'ultimo anno del Liceo delle Scienze Umane e nel suo futuro prossimo c'è la facoltà di Lettere Moderne e Beni Culturali. Adora leggere e ama la poesia verso la quale crede che il mondo ne abbia davvero bisogno. Cultrice del pensiero zen secondo cui è attraverso la magia, l'arte, la letteratura e la fantasia che si sconfigge la monotonia e il grigiore della vita quotidiana. Le parole sono sempre la cura per un'anima in fiamme, triste, sola e ferita.

Scrivi un Commento

16 − nove =