Il Migrantour è un giro turistico dalla definizione insolita che coinvolge città come Milano, Roma e Firenze.

A condurre questi tour, infatti, non sono delle guide tradizionali, ma i cosiddetti accompagnatori interculturali. Questi ultimi sono persone arrivate nel nostro paese per diversi motivi, che si mettono a disposizione delle città che aderiscono, per regalare, a chi ne prende parte, un nuovo punto di vista col quale guardare una città già conosciuta.

Non sono vere e proprie guide turistiche dotate di patentino, ma sicuramente forniscono un nuovo modo di vedere le cose, poiché questi, provenendo da altri paesi, notano e scoprono cose che chi le ha sempre avute sotto gli occhi non è mai riuscito a vedere. Oltre che a scoprire prospettive e storie nuove, il Migrantour favorisce l’integrazione, mettendo in risalto tutti i suoi punti di forza, come ad esempio la conoscenza di un luogo a 360 gradi.

La città natale di questo progetto è Torino. Nel 2010 infatti, grazie all’appoggio della Cooperativa Onlus Viaggi Solidali e con il contributo di varie ONG, ha dato vita e finanziato il tutto.

Questo progetto suscitò molto interesse, così nel 2014 nacque il vero e proprio Migrantour che tuttora va espandendosi.

Fino a oggi si possono contare come città aderenti: Torino, Milano, Genova, Bologna, Roma, Firenze, Napoli, Cagliari, Pavia, Catania, Marsiglia, Parigi, Valencia e Lisbona.

Nel 2016 il progetto è stato premiato nel World Responsible Tourism Award come una delle pratiche di turismo più innovative e originali a livello internazionale. Infatti dal 2010 ad oggi solo nelle città di Torino, Milano, Firenze e Rome hanno partecipato a questo evento 11.000 persone.

Il Migrantour apre un dialogo tra culture diverse, favorisce la comunicazione e il senso di appartenenza a un luogo e a una cultura. Le sue conseguenze non sono affatto da sottovalutare poiché chi si sente appartenente a un luogo ne avrà sicuramente cura e lo custodirà. Tanto è vero che gli accompagnatori si sono affezionati alle città di cui sono guida.

Le buone notizie sui migranti anche in questi articoli

L’appello di Papa Francesco per fermare lo sfruttamento dei profughi

La transumanza candidata al patrimonio dell’Unesco

Vuoi ricevere anche tu le buone notizie di epeira.it? Unisciti agli altri 284 iscritti. Ti manderemo una mail a settimana con una accurata selezione di buone notizie.

Riguardo l'autore

Daniele D'Amato

Daniele D'Amato

Direttore Responsabile. Giornalista, fotografo e insegnante; lauree in Scienze della Comunicazione e in Sociologia e Ricerca Sociale; masters in DSA e in ADHD. Fondatore e Presidente dell’associazione fotografica Photosintesi per 10 anni; fondatore e direttore editoriale della testata fotografica IVISIVI; Amministratore dello studio fotografico Comunickare; Collaboratore di “Fotografia Reflex”; docente di Linguistica delle immagini e Metodologia del Portfolio nelle scuole di fotografia; fondatore e Presidente del Collettivo Fotografico Xima.

Scrivi un Commento

due × cinque =