Cultura

Tec-night, la notte bianca della tecnologia

tec-night-la-notte-bianca-della-tecnologia
Foto di Andrea Samaritani
Daniele D'Amato
Scritto da Daniele D'Amato

Si è svolta lo scorso 9 giugno a Cremona la seconda edizione della Tec-Night, la notte bianca della tecnologia.

La storia condita di realtà virtuale, la musica mischiata alla robotica e l’arte proiettata da cori di luce.

Un appuntamento che lo scorso anno ha raccolto 10mila persone. L’evento, interamente gratuito, è stato promosso dal Crit, il polo per l’Innovazione Digitale, insieme a Lgh, A2a Smart City e Linea Green. E si è svolto, almeno nell’edizione 2018, in concomitanza dell’apertura a Cremona di Smart & Green, un nuovo centro di ricerca sulla tecnologia smart e sull’ecosostenibilità.

Al centro della Tec-Night un tuffo nel passato con una nota di futuro. Grazie alla realtà virtuale, si è potuto esplorare la Cremona di epoca romana e in particolare entrare nella Domus di Ninfeo, ricostruita dalla Pro Cremona. Il progetto è stato seguito dalla società italiana Uqido, che tramite i visori Oculus hanno realizzato un’esperienza immersiva per portarci indietro nel tempo.

Poi l’omaggio a Mina, per i suoi 60 anni di carriera, le cui canzoni sono state accompagnate da un coro di luci costituito da 36 colonne luminose. La band di robot-musicisti ha suonato brani dei Depeche Mode e dei Daft Punk, il concerto olografico di Federico Longo e il pianista classico — ma sempre automatizzato — TeoTronico.

Infine, c’è chi ha voluto ballare tutta la notte con la Silent Disco. Più di mille le cuffie wifi distribuite. Ci sono stati appuntamenti anche per chi ama l’arte e l’intrattenimento, come The Green Show — per diventare attori in tempo reale — e le pennellate di luce di Sarah Bowyer proiettate sui palazzi storici.

“Tec-Night racconta quanto sta avvenendo in città, valorizzando le imprese locali e i progetti in atto in tema di sicurezza, mobilità sostenibile e ambiente. Tutto ciò grazie a un lavoro congiunto tra queste aziende e l’amministrazione comunale. – spiega il sindaco Gianluca Galimberti – È la Cremona smart che si presenta”.

Vuoi ricevere anche tu le buone notizie di epeira.it? Unisciti agli altri 972 iscritti. Ti manderemo una mail a settimana con una accurata selezione di buone notizie.

Riguardo l'autore

Daniele D'Amato

Daniele D'Amato

Direttore Responsabile. Giornalista, fotografo e insegnante; lauree in Scienze della Comunicazione e in Sociologia e Ricerca Sociale; masters in DSA e in ADHD. Fondatore e Presidente dell’associazione fotografica Photosintesi per 10 anni; fondatore e direttore editoriale della testata fotografica IVISIVI; Amministratore dello studio fotografico Comunickare; Collaboratore di “Fotografia Reflex”; docente di Linguistica delle immagini e Metodologia del Portfolio nelle scuole di fotografia; fondatore e Presidente del Collettivo Fotografico Xima.

Scrivi un Commento

venti + dieci =