Cultura

Turchia: antica basilica di Nicea riemersa grazie alle foto aeree

Foto: fanpage.it

In Turchia l’antica basilica di Nicea riemerge dal lago Iznik grazie a delle foto aeree scattate per caso.

Per 1600 anni le acque del lago Iznik, in Turchia, nascondono le rovine di un’antica chiesa romanica. Gli archeologi la identificano come la basilica di Nicea. Questa, probabilmente viene costruita sulla riva del lago intorno al 390 dopo Cristo. A quel tempo la città di Iznik è conosciuta come Nicea e Istanbul era Costantinopoli, il centro orientale dell’impero romano.

Nel 740 d.C. un terremoto distrugge la basilica, che in seguito sprofonda sotto la superficie del lago, lasciando le rovine sommerse. Più di 1600 anni dopo, nel 2014 e grazie a delle foto aeree, alcuni ispettori del governo locale scoprono casualmente le rovine della chiesa.

La basilica di Nicea si trova a 3 metri di profondità, a circa 50 metri di distanza dalla riva.

Gli archeologi scoprono numerose tombe di epoca romana, monete e suppellettili che pare risalgano ai tempi degli imperatori romani Valente (364-378 d.C.) e Valentiniano II (375-392 d.C.).

C’è anche la probabilità che però la chiesa possa essere sorta sopra un tempio pagano dedicato al dio Apollo e voluto dall’imperatore Commodo nel 180 d.C. circa.

Gli scavi iniziano nel 2015, affidati a Mustafa Sahin. Lui è a capo della facoltà di archeologia dell’università turca di Bursa Uludag. Sahin, chiede di trasformare il sito in un parco archeologico subacqueo che sarebbe il primo del suo tipo in Turchia.

Sahin resta incredibilmente sorpreso dalla scoperta.

Quando ho visto per la prima volta le foto aeree del lago sono rimasto piuttosto sorpreso nel vedere la struttura chiaramente visibile.

Si effettuano numerosi scavi intorno alla basilica di Nicea. Inoltre, altre ricerche fanno riaffiorare ornamenti sacri e monete. Riemergono anche alcune tombe risalenti ai regni degli imperatori romani Valente e Valentiniano II. Ciò dimostrerebbe che in realtà la datazione della basilica debba essere anticipata di quasi un secolo, nel 303 dopo Cristo, durante il regno dell’imperatore Diocleziano.

Le buone notizie sui ritrovamenti anche in questi articoli

Corinaldo: ritrovata tomba monumentale di un principe guerriero Piceno

Riportata alla luce l’antica città perduta del re Davide

Vuoi ricevere anche tu le buone notizie di epeira.it? Unisciti agli altri 937 iscritti. Ti manderemo una mail a settimana con una accurata selezione di buone notizie.

Scrivi un Commento

20 − nove =