È finalmente realtà la prima filiera etica e agroalimentare italiana NoCap, frutto di una lotta quotidiana contro il caporalato. La accoglie una terra aspra, dura, dove la stagione estiva pullula di braccianti stranieri e non, con il sole cocente sulla schiena e un quintale di pomodori raccolti a due euro.

È il foggiano, il mezzogiorno che si ribella allo schiavismo.

NoCap nasce da un’intesa tra il gruppo Megamark di Trani, l’associazione internazionale anticaporalato NO CAP e Rete Parlaterra.

“Un sogno che si avvera” ha commentato Yvan Sagnet, attivista di origine camerunense e fondatore dell’associazione NoCap.

Arriveranno così negli scaffali dei supermercati prodotti, quali conserve di pomodoro biologico, frutta e verdura fresca contrassegnati tutti dal bollino etico “NoCap”.

Il progetto mira a contrastare il caporalato e il lavoro irregolare nel settore agricolo, fenomeno che marchia ancora il mezzogiorno e molte delle campagne della penisola italiana.

È solo di settembre la notizia di 41 uomini denunciati dai Carabinieri durante i controlli anti-caporalato nella vicina Potenza, nelle campagne di Lavello e Venosa. NoCap garantisce, dunque, ai consumatori un frutto della terra etico, proveniente da mani e braccia non sfruttate.

Nel protocollo firmato il mese scorso, infatti, il Gruppo Megamark si è impegnato ad acquistare prodotti agricoli etici garantiti dal bollino NoCap. Questo sarà rilasciato alle imprese agricole e di trasformazione dopo apposite verifiche effettuate dagli ispettori dell’Associazione NO CAP e, successivamente, dall’ente di certificazione DQA accreditato presso il Minpaf e Accredia.

In questa fase di avvio del progetto sono stati assunti più di un centinaio di lavoratori, interessando tre aree del Sud: Puglia, Basilicata e Sicilia. Al momento, infatti, NoCap coinvolge una ventina di azienda e 100 braccianti extracomunitari,  selezionati all’interno di ghetti e baraccopoli delle tre regioni, e sottratti così alla malavita e al ricatto dei caporali.

“Questo progetto segna un primo passo per sconfiggere il caporalato – ha confermato Yvan Sagnet, arrivato in Italia nel 2007 e a capo della protesta dei braccianti di Nardò del 2011 da cui ebbe origine l’iter per la legge sul caporalato. “Tuttavia è necessario che ognuno faccia la propria parte, in primis chi deve applicare la legge 199/2016, finora disattesa nella parte relativa alla prevenzione e alla creazione di reti tra istituzioni, centri per l’impiego, ispettorati, imprese e lavoratori. Anche ai consumatori chiediamo attenzione e maggiore consapevolezza nell’acquisto dei prodotti”.

E allora NoCap si marchia di umanità.

E dentro a un barattolo di salsa, a un pomodoro ci sono dignità e rispetto. Per il lavoro e la manodopera, e poi per la terra, l’ambiente e il paesaggio. Ci sono i contratti di lavoro regolari, i mezzi di trasporto adeguati dalle campagne a casa, e viceversa. Ma ci sono anche le morti, quelle dei tanti senza nome. Probabilmente ribellati ad un sistema degradante, e per questo uccisi e seppelliti a volte con una sola data incisa nel cemento. Sono i nuovi schiavi di cui Alessandro Leogrande, Giornalista, tanto parlava. “Le rivoluzioni vanno fatte per i vinti di ieri, per chi non ha più voce, non solo per i vivi”, scriveva Leogrande in “Uomini e Caporali”. E NoCap, prima filiera agroalimentare italiana contro il caporalato, fa la sua rivoluzione anche per tutti noi, consumatori con in mano il grande potere della scelta.

 

Vuoi ricevere anche tu le buone notizie di epeira.it? Unisciti agli altri 225 iscritti. Ti manderemo una mail a settimana con una accurata selezione di buone notizie.

Riguardo l'autore

Giovanna Nuzzo

Giovanna Nuzzo

Vent'anni, radici nel Salento ma trasferita a Bologna dove studia per diventare giornalista. E' impegnata nel volontariato da quando aveva quattordici anni con un'associazione locale. Da qualche anno insegna italiano in una scuola per migranti e rifugiati politici di Bologna. Vive di passi, viaggi e sorrisi. Con il cuore a Sud, sogna di tornare nel suo paese e vivere di quello che sarà il suo lavoro.

Scrivi un Commento

4 × uno =