Economia

The Shoe That Grows: la scarpa che cresce per i bambini meno fortunati

the-shoe-that-grows-la-scarpa-che-cresce-per-i-bambini-meno-fortunati

The Shoe That Grows è una scarpa innovativa che cresce insieme ai piedi di coloro che la indossano. E’ stata ideata per i bambini poveri dei paesi in via di sviluppo, che raramente possiedono un paio di scarpe o camminano con calzature di fortuna.

La scarpa può aumentare di cinque misure e durare per altrettanti anni. Ha la forma di un sandalo dal design efficace, realizzato in pelle morbida e in gomma ipercompressa. Quest’ultima garantisce resistenza e durevolezza e si pulisce facilmente. Ai lati presenta dei bottoni che regolano la larghezza, mentre sulla punta e sul tallone delle cinghie regolano la lunghezza. Ne esistono due dimensioni: una adatta ai piccolissimi, l’altra utilizzabile fino al decimo anno di età circa. In più, è anche 100% ecocompatibile.

L’invenzione è di Kenton Lee. La storia della sua geniale intuizione ha inizio in Kenya nel lontano 2007. Durante la sua permanenza nella capitale Nairobi, Kenton venne a contatto con le condizioni disagiate delle popolazioni autoctone. In particolare dei bambini. Un giorno, mentre si recava in un orfanotrofio, notò una bambina con delle scarpe troppo piccole per i suoi piedi. La povertà della piccola e di tanti suoi coetanei era tale da non poter garantire un paio di scarpe che dessero loro sicurezza nella quotidianità. “E se ci fosse una scarpa che si adatta e si espande, così che i bambini abbiano sempre un paio di scarpe da indossare?“: questa l’idea che affiora alla mente dell’inventore.

Tornato negli Stati Uniti, Kenton ha elaborato un prototipo con un team di esperti.

La vera sfida, però, si è rivelata quella di trovare una compagnia che fosse disposta a riprodurre il modello di The Shoe That Grows in serie. Dopo svariati rifiuti, l’idea è finalmente realtà. L’azienda Proof of Concept ha adottato l’innovativa calzatura, e i risultati sono oggi strabilianti. Finora sono state donate ben 180920 paia di scarpe da 1202 partner di distribuzione in 97 Paesi diversi. E i numeri sono in continuo aumento.

Lee ha inoltre fondato l’ente benefico no-profit Because International, che si propone di distribuire la “scarpa che cresce” nelle zone povere del mondo. L’organizzazione svolge la sua attività solidale grazie ad un team di volontari specializzati. Ma per chi desiderasse vivere il volontariato fino in fondo, Because International consente agli acquirenti interessati di donare le scarpe ai meno fortunati in prima persona. Il servizio può essere effettuato da individui e famiglie, o da gruppi di missionari.

La scarpa è inoltre disponibile per il commercio in una vasta gamma di colori e disegni sulla piattaforma Kickstarter. Per ogni paio acquistato, un altro paio sarà donato gratuitamente ad un bambino bisognoso.

The Shoe That Grows nasce da un’idea semplice eppure rivoluzionaria. Grazie ad essa, infatti, le malattie trasmesse dal suolo non saranno più un problema insormontabile. Come si legge sul sito ufficiale: “Senza scarpe, i bambini sono particolarmente esposti a malattie trasmesse dal suolo e parassiti che possono causare malanni o addirittura la morte. Bambini che si ammalano non frequentano la scuola, non possono aiutare le proprie famiglie, e soffrono invano. E poiché i piedi dei bambini crescono così rapidamente, in un anno spesso superano le scarpe donate, lasciandole nuovamente esposte alle malattie. The Shoe That Grows può cambiare tutto questo.

La creazione di Kenton Lee ci insegna quanto i più grandi cambiamenti siano il frutto di semplici osservazioni. Talvolta le difficoltà più ingenti hanno soluzioni rapide e facili. Basta un po’ di “compassione pratica”, come egli stesso afferma, per scoprire un punto di forza nelle piccole cose.

Le buone notizie sulle scarpe anche in questi articoli

Nike Vaporfly: le scarpe che fanno correre più veloce

I bambini dovrebbero camminare scalzi

Vuoi ricevere anche tu le buone notizie di epeira.it? Unisciti agli altri 933 iscritti. Ti manderemo una mail a settimana con una accurata selezione di buone notizie.

Scrivi un Commento

20 − 16 =