Secondo un nuovo studio, gli occhi chiari potrebbero salvarti da una forma di depressione clinica, chiamata SAD (Seasonal Affective Disorder).

Abbiamo scoperto che gli occhi sembrano nascondere molti segreti, e sembriamo essere nonostante tutto solo all’inizio.Ti è mai capitato che il cambio di stagione ti faccia sentire un po’ giù o arrabbiato o letargico? Se sì, non disperare, non sei da solo. Ad alcune persone capita di sentirsi allo stesso modo. Questo fenomeno è noto da tempo come SAD, talvolta, i suoi effetti possono essere abbastanza debilitanti.

Gli esperti non hanno ancora una chiara idea di cosa causi il fenomeno. Alcuni negano persino la sua esistenza. Secondo un questionario del 2014, i cambiamenti di comportamento auto-dichiarato dall’8% delle persone del Regno Unito è classificabile come SAD. Un altro 21% della popolazione è classificabile come una forma meno grave di SAD, chiamata “winter blues”.

Nel tempo sono state avanzate alcune ipotesi, per spiegare il fenomeno. Una di esse suggerisce che possa essere causata in inverno dalla minore esposizione ai raggi solari. Dunque dovrebbe essere più facile trovarla in paesi distanti dall’equatore. Tuttavia vari studi non sono riusciti a dimostrarla.

Secondo un’altra potrebbe essere che il nostro ritmo circadiano viene meno, dato che le giornate si fanno meno lunghe.

Un’altra ipotesi suggerisce che possa essere per uno sbilancio di serotonina e melanina. La serotonina ci fa sentire energici, mentre il rilascio di melatonina ci fa sentire assonnati.

Tutti questi studi sono inconsistenti, in alcuni casi persino contraddittori.

Ci sono prove che il colore degli occhi ha un impatto diretto su quanto siamo suscettibili al SAD. Lo studio ha analizzato 175 studenti da due università, scoprendo che le persone con gli occhi azzurri, o chiari, hanno un punteggio significativamente inferiore nello SPAQ delle persone con gli occhi scuri.

In più, i risultati sembrano essere consistenti con le ricerche precedenti

Potrebbe essere dovuto alla quantità di luce solare che l’occhio può elaborare. Alcuni scienziati, nel 1995 hanno scoperto che l’occhio umano possiede delle cellule che elaborano solo informazioni riguardo alla quantità di luce presente. Esse mandano un’impulso all’ipotalamo, una zona nel cervello in cui alcuni ormoni che regolano sonno, fame e temperatura, vengono prodotti.

In effetti, le persone con gli occhi chiari sono più sensibili alla luce, questo vuol dire che, non hanno bisogno di assorbire tanta luce quanto chi ha gli occhi più scuri, prima che l’informazione raggiunga le cellule della retina.

Chiaramente, non è l’unico fattore il poco sport, lo stare molto in casa, tanto che, basterebbe una camminata di prima mattina, per migliorare l’umore.

Fonte: Theconversation.com

Vuoi ricevere anche tu le buone notizie di epeira.it? Unisciti agli altri 284 iscritti. Ti manderemo una mail a settimana con una accurata selezione di buone notizie.

Riguardo l'autore

Luca D'Amato

Luca D'Amato

Studia informatica all'Università. E’ un geek, un’amante della conoscenza, e una persona molto curiosa fin dalla nascita. Ha un concetto tutto suo di equilibrio e nonostante si reputi una persona creativa rimane molto razionale, a volte fin troppo. Gli piace trasformare le cose banali in cose nuove e approcciarsi ai problemi con idee originali. Amante della musica metal, segue con interesse gli argomenti scientifici di tutti i tipi.

Scrivi un Commento

2 + nove =