Trascorrere 15 minuti al giorno in solitudine riduce l’irritabilità e le emozioni negative. A provarlo è uno studio americano pubblicato sul Personality and Social Psychology Bulletin.

Per essere meno nervosi e meno stressati, basta trascorrere un quarto d’ora al giorno, ogni giorno, in estrema solitudine, leggendo un libro o prendendo un po’ di tempo per se stessi.

E’ stato condotto uno studio su 114 adulti da alcuni psicologi americani dell’Università di Rochester, a New York.  A queste persone è stato chiesto di sedere da soli per un quarto d’ora dopo aver sostenuto una conversazione. Gli adulti hanno poi compilato questionari molto dettagliati e scientificamente validi, dai quali è emerso che chi ha trascorso quel quarto d’ora in solitudine, ha provato meno emozioni negative, tra cui irritabilità e agitazione, rispetto a chi non ha beneficiato di quei pochi, ma efficacissimi, momenti di solitudine.

Per dimostrare ulteriormente la validità di questo studio, i ricercatori ne hanno affiancato un secondo. Questa volta, si chiedeva ad altri 173 partecipanti di trascorrere un quarto d’ora al giorno in solitudine per ben una settimana e di evitare di farlo nel corso della settimana successiva. I risultati emersi hanno portato alla luce il fatto che stare da soli quando si sceglie liberamente di farlo, aumenta le sensazioni di pace, di relax e di benessere dell’animo.

La letteratura scientifica è però piena di lavori che dimostrano quanto le reti sociali aiutino il benessere psicologico. In realtà lo studio preso in considerazione da noi, non è una contraddizione a quest’ultimo. Semplicemente ha voluto dimostrare scientificamente il valore dei concetti di misura e di libertà di scelta.

Si tratta di una scelta attiva.

La ricerca e gli stessi studiosi affermano che questo beneficio non dipende da cosa si faccia quando si è da soli.  A fare bene alla salute e ad abbattere lo stress è probabilmente la possibilità di esercitare il diritto di stare soli ogni tanto.

Naturalmente la solitudine va benissimo se è frutto di una scelta e a condizione che non duri troppo a lungo.

Vuoi ricevere anche tu le buone notizie di epeira.it? Unisciti agli altri 296 iscritti. Ti manderemo una mail a settimana con una accurata selezione di buone notizie.

Riguardo l'autore

Rita Stefano

Rita Stefano

Nasce prima del previsto perché la cicogna non vedeva l'ora di atterrare. E' una ragazza alla mano, simpatica e solare; riesce a trovare il lato positivo in ogni cosa. Non ha peli sulla lingua e perciò schietta e diretta, spesso con il rischio di sembrare inopportuna. Frequenta il Liceo e il Conservatorio. Le sue giornate vengono scandite dal suono del pianoforte, al quale corrisponde un'emozione per ciascun tasto. Ama le lingue, viaggiare e fotografare i momenti più belli.

Scrivi un Commento

3 × quattro =