Scienza

I peptidi come cura per i malati di cancro

I peptidi come cura per i malati di cancro
Foto: peptomyc.com

Laura Soucek è la fondatrice e ad di Peptomyc, un’azienda che produce peptidi in grado di abbattere gli effetti collaterali per i malati di cancro.

La Soucek, intervistata da Wired racconta: “Da sempre il mio sogno è stato quello di offrire ai malati di cancro una prospettiva terapeutica con meno effetti collaterali, rispetto a quelle che vengono utilizzate attualmente. Molte volte i pazienti rinunciano alle cure per gli effetti secondari a esse associati, quali anemie o neuropatie”.

Laura Soucek ha fatto un dottorato in biologia molecolare e da più di vent’anni segue una sua intuizione che risale al periodo universitario.

All’epoca infatti si dedica allo studio di una proteina, presente in tutte le cellule e chiamata Myc. Tale proteina è necessaria alle cellule tumorali per moltiplicarsi.

La sua idea è di inibire questa proteina per contrastare i tumori. Molti però sono scettici a tale pratica poiché i peptidi Myc rivestono un ruolo fondamentale anche nel nucleo della cellula. Molti esperti ritengono così che gli effetti collaterali di questa procedura possano addirittura essere peggiori rispetto alla chemio.

Ma la ricercatrice, studiando la letteratura scientifica, scopre che in realtà nessuna conduce ricerche in questo senso per paura di questi presunti effetti collaterali.

Così decide di condurre i primi test con i peptidi Myc.

Laura Soucek si reca negli USA dove sperimenta per la prima volta l’inibizione della proteina e accerta l’assenza di effetti collaterali per le cellule non malate. Qui dimostra la capacità dell’inibitore HomoMyc di uccidere le cellule tumorali nei topi affetti da tumore al polmone. A questo punto torna in Europa e in Spagna testa l’inibitore sui tumori umani.

“Per far questo abbiamo impiantato delle cellule tumorali umane in un topo. Anche in questo caso, i test hanno avuto successo. Grazie alla nostra azienda, stiamo riuscendo a portare questi risultati fuori dal laboratorio e metterli a servizio dei pazienti. Abbiamo ora creato questi peptidi applicabili a tutti i tipi di cancro, basati su HomoMyc, e le stiamo producendo a livello industriale”, racconta Laura.

Nel 2014 fonda la Peptomyc che riesce ad attirare investimenti per oltre un milione di euro nei primi due anni di attività. Nel 2017 ne prende altri 4,2 business angels, dal fondo di investimento Alta Life Sciences.

Oggi l’azienda produce peptidi e sta per cominciare gli studi per verificare la sicurezza del prodotto. “Per raggiungere il nostro obiettivo dobbiamo però raccogliere altri 12 milioni di euro entro la fine del 2019”, precisa Soucek.

Le buone notizie sulla ricerca anche in questi articoli

Le cellule contro l’HIV sono già nel nostro corpo

Un nuovo modello di embrione artificiale permetterà di controllare la gravidanza

Fonte: peptomyc.com

Vuoi ricevere anche tu le buone notizie di epeira.it? Unisciti agli altri 933 iscritti. Ti manderemo una mail a settimana con una accurata selezione di buone notizie.

Scrivi un Commento

tre × 4 =