Scienza

Mesotelioma: Oncologa italiana Marilina Piccirillo premiata per la ricerca in Canada

Marilina Piccirillo, oncologa italiana premiata in Canada per la ricerca sui farmaci anticancro
Marilina Piccirillo, oncologa italiana premiata in Canada per la ricerca sui farmaci anticancro

Marilina Piccirillo è un’oncologa dell’Università di Napoli premiata a Toronto con il Cancer Trials Group per i nuovi trattamenti anticancro.

Da anni ormai medici specialisti, oncologi e ricercatori studiano per diagnosticare nuove tipologie di tumore per cercare le cure adatte più efficaci.

A rappresentare un importante traguardo in campo medico e grande orgoglio italiano è l’oncologa e ricercatrice napoletana dell’IRCCS partenopeo, Marilina Piccirillo.

E’ in Canada, che la sua attività di ricerca viene premiata.

La dottoressa è una giovane ricercatrice dell’Istituto tumori di Napoli che insieme al team della Unità Sperimentazioni Cliniche dell’Istituto Pascale, diretta da Francesco Perrone, è la coordinatrice, a livello internazionale, di uno studio all’avanguardia per il trattamento del mesotelioma pleurico con uno dei più promettenti farmaci immunoterapici oggi disponibili, il pembrolizumab.

Lo studio è condotto insieme ai ricercatori di vari Istituti oncologici italiani ma anche canadesi e, a breve, si aggiungeranno altri ricercatori inglesi.

Come spiega l’oncologa “Il mesotelioma è un tumore piuttosto raro, ma con grande rilevanza sociale poiché causato dalla esposizione all’amianto. Siamo riusciti a costruire un network dei centri di oncologia Italiani localizzati nelle aree più a rischio per questo tumore. Contiamo di giungere ai primi risultati e, quindi, alla conclusione della ricerca, nel giro dei prossimi due anni”.

La speranza è che l’immunoterapia dia i risultati auspicati e possa diventare un’arma in più contro una malattia che è molto difficile da trattare con successo.

La luminare il 27 aprile riceverà a Toronto il premio 2018 del Cancer Trials Group Canadese, prestigiosa istituzione da anni in prima linea nella sperimentazione clinica di nuovi trattamenti anticancro.

Fonte: ansa.it

Vuoi ricevere anche tu le buone notizie di epeira.it? Unisciti agli altri 311 iscritti. Ti manderemo una mail a settimana con una accurata selezione di buone notizie.

Scrivi un Commento

1 × 2 =