Scienza

Tim Berners-Lee ha inventato Internet, di nuovo.

Tim Berners-Lee ha inventato Internet, di nuovo.
Foto: wikipedia.org

Tim Berners-Lee è il padre del web, l’inventore del www, il creatore di Internet per come lo conosciamo noi e, stanco del modello di rete attuale ha reinventato Internet.

Uno dei problemi di internet per come lo conosciamo, è la sua centralizzazione. I dati personali di qualunque utente sono nelle mani di pochi, seppur potenti colossi digitali, che hanno pieno potere su di essi.

Tim Berners-Lee ha creato il web, pensandolo come l’esatto opposto, ovvero come un sistema decentralizzato, dove gli utenti avevano il controllo. Tuttavia, questo modello non è quello presente, e Berners-Lee è da tempo, attivamente all’opera per ristabilire questo equilibrio.

Il web, è diventato un motore di iniquità e divisione e si è raggiunto un punto critico in cui è necessario e possibile un grande cambiamento, per il meglio.

A quanto pare, negli ultimi anni, Tim Berners-Lee ha lavorato con alcune persone del MIT per sviluppare Solid, un progetto open-source per ripristinare il potere degli individui sul web.

Solid cambia il modello corrente, in cui gli utenti devono fornire dati personali a giganti digitali per un certo valore percepito. Come abbiamo tutti scoperto, questo non è nei nostri interessi. Solid è il modo con cui evolviamo il web per ripristinare l’equilibrio, dando ad ognuno di noi il completo controllo sui dati, personali o no, in modo rivoluzionario.

Solid è una piattaforma costruita usando il web esistente.

Permette ad ogni utente di scegliere dove i dati sono salvati, quali persone e quali gruppi possono accedere a quali elementi e quali app usi. Ti permette di collegare e condividere dati con chiunque. Permette alle persone di guardare gli stessi dati con diverse app allo stesso tempo.

Tim Berners-Lee ha inoltre fondato una società, chiamata Inrupt, la quale missione è di fornire a Solid l’energia commerciale per sopravvivere, e l’ecosistema per aiutare a proteggere l’integrità e la qualità del nuovo web, costruito su Solid.

Servirà molto lavoro per costruire la nuova piattaforma e fare in modo che venga adottata estensivamente. Ma penso che abbiamo abbastanza energia per portare il mondo ad un nuovo punto di non ritorno.

Fonte: Medium.com

Vuoi ricevere anche tu le buone notizie di epeira.it? Unisciti agli altri 334 iscritti. Ti manderemo una mail a settimana con una accurata selezione di buone notizie.

Scrivi un Commento

sette − 3 =