Simone Marigliano, 18enne, ex studente del Liceo Scientifico Vanini di Casarano. Dai banchi del liceo è passato ai cosiddetti banconi di laboratorio di Milano in un tempo molto breve.

Si è infatti aggiudicato la 14esima edizione del concorso nazionale Lo studente ricercatore indetto dall’Istituto IFOM di Milano. Questo è stato fondato nel 1998 dalla Fondazione italiana per la ricerca sul cancro (FIRC) e rinomato centro di ricerca dedicato allo studio della formazione e dello sviluppo dei tumori a livello molecolare.

Lo studente ha centrato pienamente l’obiettivo del rapido trasferimento dei risultati dal laboratorio alla pratica diagnostica e terapeutica, superando con risultati eccezionali il difficile test di ammissione insieme ad altri nove giovani studenti selezionati tra le centinaia di candidature giunte da tutta Italia.

Il concorso è davvero molto duro.

Esso consente ogni anno a un piccolissimo numero di liceali di vivere in prima persona la ricerca scientifica lavorando per 15 giorni in modo molto intenso e al fianco di ricercatori provenienti da tutto il mondo.

Simone Marigliano ha iniziato il 25 giugno il suo stage, un anno prima della sua maturità, soggiornando nella guest house di IFOM e lavorando nell’Unità di Colture cellulari sotto la guida della ricercatrice Ilaria Rancati.

La sua candidatura è stata sostenuta dalla dirigente del suo liceo, Maria Grazia Attanasi e dal professore Gianni D’Aprile. “Hanno fatto bene a credere in lui” sostengono molte persone. Simone è un ragazzo davvero in gamba, dalle idee chiare.

Le aspirazioni di Simone Marigliano sono più o meno quelle di tutti i giovani: riuscire a svolgere un lavoro che rispecchi le proprie passioni. Ha la passione di diventare un medico, un ricercatore o un insegnante di materie scientifiche, passione che si porta dietro dalle scuole medie. Poi a scuola, il suo professore di scienze gli  ha parlato di questo concorso e lo ha incoraggiato a partecipare. Lui non si è fatto pregare e ha presentato subito domanda, spinto si dalla curiosità, ma speranzoso di potervi entrare. Il test per lui non è stato troppo difficile, ma il tempo a disposizione non era tanto.

Da questa esperienza ora Simone si aspetta di fortificare la sua passione per le scienze e in particolare per la biologia.

Cercherà di comprendere come si svolge il lavoro in un centro di ricerca. Del resto non è la prima volta che affronta uno stage scolastico. Certo, riuscire a vincerne uno nazionale e con soli dieci posti a disposizione sicuramente lo ha reso felice.

Simone è un chiaro esempio di forza di volontà, l’unica arma che permette di affrontare le sfide della vita, anche quelle più difficili. L’ultimo step rimasto è preparare i test per l’ammissione alla facoltà di medicina, poi spera di trascorrere un fine estate fatto di mare e amici.

Le buone notizie sui liceali anche in questi articoli

Mattia Russel Pantalone scopre un virus che causa il tumore

Giulia Sauro, giovane ragazza down, si laurea con 110 e lode

Vuoi ricevere anche tu le buone notizie di epeira.it? Unisciti agli altri 284 iscritti. Ti manderemo una mail a settimana con una accurata selezione di buone notizie.

Riguardo l'autore

Rita Stefano

Rita Stefano

Nasce prima del previsto perché la cicogna non vedeva l'ora di atterrare. E' una ragazza alla mano, simpatica e solare; riesce a trovare il lato positivo in ogni cosa. Non ha peli sulla lingua e perciò schietta e diretta, spesso con il rischio di sembrare inopportuna. Frequenta il Liceo e il Conservatorio. Le sue giornate vengono scandite dal suono del pianoforte, al quale corrisponde un'emozione per ciascun tasto. Ama le lingue, viaggiare e fotografare i momenti più belli.

Scrivi un Commento

diciassette + 15 =