Società

Holiday center: ecco perché amiamo il Natale

Holiday center: ecco perché amiamo il Natale
Foto: uphe.com

Uno studio danese del 2015 rivela che nel nostro cervello è presente un holiday center dove sono racchiusi tutti i ricordi legati al Natale.

Non ci si chiede quasi mai come appaiano nel nostro cervello tutti i ricordi legati al Natale, ricordi familiari nostalgici, l’attesa di Babbo Natale e dei regali.

Questa ricerca dimostra che solo in alcune persone ci sono cinque sezioni del cervello che mostrano una particolare attività se si pensa a esperienze o a oggetti relativi alle vacanze natalizie.

Questo la dice lunga sul perché durante le vacanze ci sentiamo diversamente dagli altri momenti dell’anno. Ciò diventa ancora più rilevante se si investe molto sulle vacanze e gli si dà un valore emotivo.

Lo studio, pubblicato sul The British Medical Journal, condotto dai ricercatori dell’Università di Copenaghen ha preso in considerazione 20 soggetti che celebrano il Natale in maniere differenti.

I soggetti non seguono tradizioni natalizie che non siano relative a religioni al di fuori del cristianesimo.

Metà delle persone coinvolte nello studio possedeva delle forti tradizioni natalizie. L’altra metà, al contrario, proveniva da famiglie e ambienti culturali in cui il Natale non era celebrato (amici del Grinch in altre parole).

Ai 20 candidati sono state fatte delle risonanze magnetiche che mostravano l’attività del cervello mentre guardavano immagini connesse al Natale o immagini completamente ordinarie. L’obiettivo era mostrare come il cervello reagiva a tutto ciò che è relativo al Natale, specialmente in chi si definisce molto legato a questa festività.

In entrambi i gruppi è emerso un aumento nell’attività della corteccia visiva alla vista di immagini natalizie.  Questo non sorprende perché è in questa zona che raccogliamo e immagazziniamo tutti i dati visivi. Ci sono state però cinque aeree cerebrali in cui i soggetti che si sono definiti amanti del Natale hanno mostrato un’elevata attività cerebrale. Nei cosiddetti Grinch  questa attività è risultata essere totalmente assente.

E’ comunque importante prendere con le dovute cautele questa ricerca, dato che i candidati erano troppo pochi per dimostrare un fenomeno su larga scala.

Tuttavia possiamo affermare che se amiamo il Natale è perché probabilmente nel nostro cervello si attiva l’holiday center. Se lo odiamo invece, è perché non si attiva questa regione. Questo elemento è ciò che distingue chi, nel periodo natalizio, diventa improvvisamente e inspiegabilmente euforico o si improvvisa Micheal Bublé (la sottoscritta) da coloro che invece preferirebbero andare sul monte Briciolaio a fare compagnia al buon vecchio Grinch.

Vuoi ricevere anche tu le buone notizie di epeira.it? Unisciti agli altri 918 iscritti. Ti manderemo una mail a settimana con una accurata selezione di buone notizie.

Scrivi un Commento

15 − tredici =