A Bari è stata inventata una passerella, la prima in assoluto, che permette ai portatori di handicap di fare il bagno in mare in assoluta autonomia.

L’ideatore di questa efficace passerella è proprio uno dei tanti portatori di handicap, costretto a vivere la sua vita in carrozzina.

Spesso non ci accorgiamo che, per queste persone con difficoltà, il semplice gesto di fare un bel tuffo nell’acqua marina è una vera e propria impresa. Il relax e il divertimento al mare dovrebbero essere alla portata di tutti ma, ancora oggi e per tanti, questo sembra essere un’utopia.

Fortunatamente, la tecnologia avanza ogni giorno sempre più. Così facendo, le barriere architettoniche che vengono abbattute sono sempre maggiori. Prendiamo l’esempio di questa passerella così innovativa.

Questa passerella, potremmo dire molto all’avanguardia, ha preso il nome di Sea Track Trobea ed è stata inaugurata precisamente a Torre Quetta, a Sud di Bari. Antonio Caputo, un famoso atleta in carrozzina che gioca nella squadra di basket pugliese HBari2003, è stata la prima persona a testarla.

La passerella che permette ai portatori di handicap di godersi un bagno nell’Adriatico è alimentata a energia solare.

E’ fissata ad una sedia molto particolare che scorre su due “binari”. Questa, inoltre, può essere attivata dal diretto interessato che desidera recarsi in acqua.

Ovviamente, i clienti di Torre Quetta sono costantemente seguiti da un addetto della Sea Track Tobea. Sanno di poter contare su di lui in qualsiasi momento.

Questa geniale invenzione dovrebbe, senz’altro, essere d’esempio a tutti gli altri lidi italiani ancora poco o per niente attrezzati.

Non è propriamente corretto dire: “Tutti dovrebbero avere l’opportunità di fare un bagno a mare in libertà ed autonomia, anche solo grazie ad una passerella, perché siamo nel 2019”. Tutti abbiamo diritto a vivere una vita pienamente felice, in modo completamente indipendente e in piena autonomia. A prescindere da quale disabilità si tratti e dai mezzi che possono essere utilizzati per combatterla.

Vuoi ricevere anche tu le buone notizie di epeira.it? Unisciti agli altri 236 iscritti. Ti manderemo una mail a settimana con una accurata selezione di buone notizie.

Riguardo l'autore

Rita Stefano

Rita Stefano

Nasce prima del previsto perché la cicogna non vedeva l'ora di atterrare. E' una ragazza alla mano, simpatica e solare; riesce a trovare il lato positivo in ogni cosa. Non ha peli sulla lingua e perciò schietta e diretta, spesso con il rischio di sembrare inopportuna. Frequenta il Liceo e il Conservatorio. Le sue giornate vengono scandite dal suono del pianoforte, al quale corrisponde un'emozione per ciascun tasto. Ama le lingue, viaggiare e fotografare i momenti più belli.

Scrivi un Commento

19 + quindici =