Il Period Products Scotland Bill, la proposta di legge secondo la quale il Paese è obbligato a fornire assorbenti e prodotti per l’igiene mestruali gratis a chiunque ne abbia bisogno, è stata approvata quasi all’unanimità dal Parlamento scozzese con 112 voti a favore, un’astensione e nessun voto contrario.

La legge in questione è stata portata in Parlamento dalla laburista Monica Lennon per la prima volta nel 2017 con lo scopo di sostenere le donne con un reddito basso.

Diventerebbe una pietra miliare nel normalizzare le mestruazioni in Scozia e mandare un messaggio alle persone di quanto il Parlamento prenda sul serio il tema della parità di genere.

Questa legge che costringe il Paese a regalare gli assorbenti a tutte le donne, costerà alla nazione circa 30 milioni di euro l’anno, ma renderà la Scozia uno dei paesi più all’avanguardia per quanto riguarda la tutela delle donne e la parità di genere.

Assorbenti gratis per combattere la Period Poverty

In realtà la Scozia si era già impegnata precedentemente a cercare di combattere la period poverty, ossia l’impossibilità economica di potersi garantire un’igiene adeguata durante il periodo mestruale, garantendo a partire dal 2018 assorbenti e prodotti sanitari femminili gratuiti per tutte le studentesse.

Molte donne non possono acquistare gli assorbenti

Secondo uno studio effettuato nel Regno Unito, infatti, una ragazza su dieci non può permettersi i prodotti sanitari di cui avrebbe bisogno, mentre una su sette fa fatica a comprarli (nonostante in Inghilterra i prodotti sanitari siano tassati solo al 5%).

Ben diversa è invece la situazione in Italia: mentre nella maggior parte dei paesi europei la discussione sulla Tampon tax ha portato all’abbassamento dell’IVA applicata su questi prodotti; in Italia gli assorbenti sono ancora tassati al 22%, ossia quanto vengono tassati i beni di lusso.

Questi che possono sembrare solo numeri in realtà hanno un impatto decisivo sulla vita di molte donne, la cui impossibilità di acquistare i prodotti sanitari di cui necessitano si traduce nell’impossibilità di frequentare la scuola o lavorare durante il periodo mestruale.

Vuoi ricevere anche tu le buone notizie di epeira.it? Unisciti agli altri 178 iscritti. Ti manderemo una mail a settimana con una accurata selezione di buone notizie.

Riguardo l'autore

Sara De Rose

Sara De Rose

non ancora maggiorenne Sara è una ragazza solare e appassionata. Studia lingue nel liceo linguistico e ama spasmodicamente la fotografia con la quale praticamente ci va a letto. Con la sua fotocamera cerca di catturare la bellezza nascosta in ogni cosa e soprattutto in ogni persona. Il suo sogno, come quello di molti suoi coetanei, è di esplorare il mondo alla ricerca di nuovi posti da scoprire e nuove culture da conoscere.

Scrivi un Commento

undici − cinque =