Società

Melendugno all’opera per aiutare una famiglia povera

melendugno all'opera per aiutare una famiglia povera
Foto: it.wikipedia.org

A Melendugno, un piccolo paese salentino, di poche migliaia di cittadini, il Natale profuma ancora di solidarietà. Porta in dono una nuova casa per una famiglia povera. L’amministrazione comunale insieme ai tanti cittadini volontari sono da giorni all’opera per aiutare la famiglia, ristrutturandone l’abitazione.

Erano ormai anni che mamma e figli vivevano in un luogo freddo e pericoloso, in una casa fatiscente e umida. L’anziana donna allettata non può più prendersi cura dei figli disoccupati e con problemi di salute.

Per questo gli assistenti sociali di Melendugno e la polizia municipale hanno segnalato la situazione di enorme disagio.

Il solaio dell’abitazione era puntellato perché a rischio crollo. Le finestre rotte, l’impianto elettrico non a norma. Nell’estrema periferia di Melendugno, la casa era, inoltre, priva di riscaldamento. Il camino della cucina era l’unica fonte di calore, con il resto delle stanze completamente gelido.

Così tutta Melendugno sta provvedendo in maniera completamente gratuita per rendere l’abitazione vivibile. Tutti i volontari stanno mettendo a disposizione il loro lavoro, il loro tempo. Dall’amministrazione comunale ai negozianti, dagli imprenditori fino agli idraulici e agli elettricisti.

Tutti con un unico e solo obiettivo: ridare un tetto sicuro e caldo alla famiglia.

Nemmeno il freddo e la pioggia può fermare la gioia di vedere mamma e figli al caldo! Entro la befana, come ha spiegato l’assessore Galati di Melendugno, sarà tutto terminato. Lo ha dichiarato infatti a Repubblica. “Stiamo provvedendo a mettere in sicurezza l’immobile. C’è la collaborazione di tante ditte e di tante persone”.

I negozianti di Melendugno donano ai muratori tutto il materiale edilizio, idraulico ed elettrico di cui hanno bisogno. Diverse sono poi le ditte locali che si sono impegnate gratuitamente per la ristrutturazione della dimora. Chi ripara il tetto, chi pittura i muri neri, chi elimina il salmastro.

A questo si aggiunge una colletta degli abitanti di Melendugno. Il loro fine è quello di comperare la mobilia per la cucina compresa di elettrodomestici.

Una storia di pura gentilezza che proviene da Melendugno, un paese dove si riconosce ancora il bisogno dei cittadini meno abbienti. E si provvede perciò a dare loro quel minimo insindacabile che tutti dovrebbero avere.

Si prestano mani e braccia robuste e si realizza quello che è il progetto più intimo del Natale, dare a chi non ha, regalare un tetto sicuro come successo ai viandanti a Betlemme. È storia di un dono grande, sorrisi e cuori al riparo.

Vuoi ricevere anche tu le buone notizie di epeira.it? Unisciti agli altri 918 iscritti. Ti manderemo una mail a settimana con una accurata selezione di buone notizie.

Scrivi un Commento

dieci + quindici =