Trevor Hahn e Melanie Knecht scalano insieme le montagne, superando le loro disabilità.

Le escursioni in montagna per Trevor e Melanie sono il loro punto in comune

Trevor è un escursionista da sempre. Nel Colorado, terra dove è cresciuto, ha sempre fatto escursioni ed arrampicate su roccia. Nel 2014, però, perde la vista a causa di un glaucoma. Ma, senza darsi per vinto, ha scalato il Gokyo Ri, una vetta himalayana di 17500 piedi. I suoi compagni lo hanno aiutato ad orientarsi con un campanello e le loro indicazioni vocali.

Melanie è nata con la spina dorsale bifida, quindi è da sempre sulla sedia a rotelle. È cresciuta tra campeggi ed avventure all’aperto. Nel 2012 viaggia verso l’Isola di Pasqua con un amico, ma la sua sedia a rotelle non le permette di muoversi come vorrebbe.

Il loro incontro fa rinascere le loro passioni

Lo scorso autunno, Trevor e sua moglie invitano a casa alcuni amici, fra cui Melanie, per guardare una partita di football. In questa occasioni parla delle sue difficoltà dopo aver perso la vista. Così hanno unito le loro forze e passioni. Trevor porta Melanie sulle sue spalle con una particolare imbracatura così può guidarlo con i suoi comandi vocali. Melanie descrive Trevor come un “ragazzo più grande” e sa che all’inizio non è stato semplice portarla sulle spalle. Inoltre, l’imbracatura non è perfetta per lei. “È stata chiaramente creata per un bambino”, spiega Melanie. “Sono piccola, ma non sono una bambina”.

Insieme cercano di migliorarsi

Fin da quella partita di football, Melanie ha compreso che Trevor è ciò che stava cercando. E lui ha acconsentito. “Ho sempre creduto di poter essere le gambe di qualcuno, se può essere i miei occhi”, racconta Trevor. Per questo non si arrendono neanche di fronte al problema dell’imbracatura. Alla fine, la compagnia di trasporto portatile Freeloader regala loro un’imbracatura molto più adatta e comoda. In seguito, hanno annunciato di voler scalare il Monte Elbert che, con i suoi 14400 piedi, è il più alto del Colorado.

Melanie ha tanta esperienza, ma non riesce ancora a distinguere diversi tipi di ostacoli durante le escursioni. Per questo usa termini come “iceberg” o “testa di bambino” per aiutare Trevor a schivarli.

Quando non fa escursioni, Trevor fa snowboard o ciclismo, ma soprattutto si allena per rinforzare le sue spalle in modo che si stanchi sempre meno trasportando Melanie.

Trevor e Melanie si impegnano a sensibilizzare

I due hanno creato una pagina Facebook ed un account Instagram con il nome del loro progetto: Hiking with Sight. Vogliono sensibilizzare sulla mancanza di percorsi accessibili per le persone disabili in tutto il mondo. “C’è ancora tanta esclusione per le persone con disabilità che vogliono uscire all’aperto”, spiega Melanie. “Crediamo ancora davvero che le persone sulla sedia a rotelle non vogliano andare sulle montagne?”. Entrambi hanno anche preso parte ad un summit sportivo a Lake Tahoe, in California, sponsorizzato da No Barriers.

Per i due amici è importante far comprendere che la disabilità non è un limite. E che non bisogna mai giudicare una persona per questo. “Questo è lo spirito umano”, dice Trevor. “Se vuoi qualcosa di abbastanza forte e trovi le persone che vogliono ciò che anche tu vuoi, puoi fare qualsiasi cosa”.

Vuoi ricevere anche tu le buone notizie di epeira.it? Unisciti agli altri 284 iscritti. Ti manderemo una mail a settimana con una accurata selezione di buone notizie.

Riguardo l'autore

Mariarosaria Guido

Mariarosaria Guido

Da poco maggiorenne, è appassionata di musica, arte e ancor prima della scrittura. Ha studiato violino per circa dieci anni e si è diplomata al Liceo Artistico. Vanta numerose partecipazioni e qualche vittoria in altrettanti concorsi di poesia. Ha pronto un romanzo fantascientifico in attesa di pubblicazione. Le piace indagare e approfondire senza fermarsi alle apparenze, stare all’aria aperta e preferisce il vintage al post-modernismo.

Scrivi un Commento

9 − 1 =